network

il network

Dona ora

ultime notizie

image

MILLEPIAZZE - FESTA DEI NONNI D'ITALIA: TUTTE LE INIZIATIVE

Al via la Campagna d Fondazione Senior Italia

image

CONFERENZA STAMPA "MILLEPIAZZE - FESTA DEI NONNI D'ITALIA"

Il 20 settembre a Roma la presentazione della Campagna 2016

image

LA PARTITA PER I NONNI

Il 26 settembre a Frosinone un match di solidarietà tra la Nazionale Attori e la squadra Vecchie Glorie del Frosinone Calcio insieme a una rappresentanza di ex calciatori di Roma e Lazio

Archivio »

FONDAZIONE SENIOR ITALIA CONSEGNA I DEFIBRILLATORI AI CENTRI SOCIALI ANZIANI DELL’AQUILA

20/04/2017

image

Gli apparecchi sono stati acquistati grazie alla raccolta fondi in occasione della scorsa Festa dei Nonni


Oggi Senior Italia FederAnziani ha consegnato ai Centri Sociali de L’Aquila i primi defibrillatori acquistati grazie alla raccolta fondi promossa in occasione della Festa dei Nonni dello scorso ottobre.

Nelle prossime settimane i defibrillatori saranno consegnati nei Centri Sociali Anziani di ben 9 Regioni, con il supporto di diverse Associazioni che si occupano di Terza Età e Enti Istituzionali.

Ogni anno in Italia le vittime dell'arresto cardiaco sono circa 57.000, una ogni nove minuti, e costituiscono il 10% della totalità dei decessi. La fascia di popolazione più colpita dall’arresto cardiaco è quella degli over 65.

L'arresto cardiaco può colpire senza preavviso ed è vitale intervenire immediatamente utilizzando un defibrillatore, che consente al cuore di riprendere un ritmo cardiaco regolare: un intervento di primo soccorso, tempestivo e adeguato, contribuisce, in modo statisticamente significativo, a salvare fino al 30% in più delle persone colpite. 

“Individuando nei Centri Sociali per Anziani un luogo privilegiato di socialità e di stimolo all’invecchiamento attivo, - afferma Roberto Messina, Presidente Senior Italia FederAnziani -  la Fondazione Senior Italia ha come mission quello di tutelarli e sostenerli, anche promuovendo le migliori condizioni di salute e sicurezza per i loro frequentatori. Da qui la scelta, attraverso la raccolta fondi lanciata dalla campagna, di acquistare dei defibrillatori e donarli ai centri aderenti all’iniziativa, ma anche di formare all’utilizzo degli apparecchi. Lavoriamo ogni giorno perché i luoghi di aggregazione dei senior diventino sempre più sicuri e attrezzati con i servizi essenziali”.

L’intero progetto – promosso da Senior Italia FederAnziani attraverso l’omonima Fondazione - è stato realizzato in collaborazione con DAN Europe, partner tecnico per la fornitura delle apparecchiature e azienda convenzionata con Senior Italia FederAnziani per l’assistenza in loco. 

I preziosi dispositivi di primo soccorso sono stati acquisiti grazie alle donazioni effettuate in occasione delle iniziative promosse da Senior Italia FederAnziani per la Festa dei Nonni dello scorso ottobre.

Le iniziative per LA FESTA DEI NONNI D’ITALIA sono state insignite della Medaglia del Presidente della Repubblica e hanno goduto dei patrocini del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati, del Ministero della Salute, del CONI, dell’ANCI, della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome.

 

Il popolo dei nonni

Gli anziani sono una risorsa essenziale per il nostro Paese. Troppo spesso considerati un peso, costituiscono invece una porzione sempre più rilevante e attiva della popolazione italiana.

I “nonni d’Italia” sono oltre 12 milioni. L’età media nella quale si diventa nonni è molto calata negli ultimi decenni e ha ora raggiunto i 54,8 anni.

L’Italia è il paese europeo con la più alta percentuale di nonni che si occupano di un nipote e quasi il 26% di loro accudisce i nipoti mentre i genitori lavorano.

Questa situazione, senza dubbio positiva sotto l’aspetto umano, rivela una realtà in cui le famiglie si devono appoggiare a quelle di origine per poter accudire i figli, in tempi di difficoltà economiche ed occupazionali e di carenti investimenti nel settore della famiglia e dei servizi sociali. I “nonni” rappresentano quindi una fondamentale risorsa economica per la nostra società.

Non solo. I “nonni d’Italia” sono sempre più socialmente e culturalmente attivi, con un alto tasso di informatizzazione e interessati ad uno stile di vita che possa loro garantire un invecchiamento sano e attivo.