immagine interna

Meno soli a Natale, da Senior Italia FederAnziani, SIPEM SoS Federazione e WINDTRE il numero verde per il supporto psicologico attivo anche durante le Feste

22/12/2020

image

Sono oltre tre milioni, secondo i dati Istat, gli ultra 75enni che vivono da soli e che rischiano di dover festeggiare il Natale 2020 e il Capodanno in casa in completa solitudine. Nonostante le deroghe previste alle limitazioni degli spostamenti per il periodo delle feste, restano comunque molti gli anziani che non hanno parenti o familiari con cui trascorrere le festività, quelli che non hanno nessuno a cui rivolgersi, e per i quali una voce amica nel periodo natalizio può fare la differenza. È soprattutto a loro che si rivolge il numero verde di supporto psicologico di Senior Italia FederAnziani, SIPEM SoS, la Società Italiana di Psicologia dell’Emergenza, e WINDTRE, lanciato per consentire agli anziani soli di poter affrontare meglio questo periodo di isolamento. 

Il numero verde 800.99.14.14 sarà raggiungibile da telefono fisso e mobile, operativo dal lunedì alla domenica dalle ore 14.00 alle ore 19.00, anche nei giorni festivi durante tutto il periodo natalizio.

Ansia, disorientamento e paura di morire sono gli stati d’animo prevalenti tra i chiamanti, tra i quali si riscontra una forte diminuzione della vita sociale e del contatto. Per questo gli operatori rispondono offrendo supporto e consigli pratici per aiutarli ad affrontare questa fase, stimolandoli a coltivare i loro interessi e a reagire utilizzando le loro risorse psicologiche e facendo leva sui loro punti di forza, anche per contrastare il decadimento cognitivo. In questa seconda fase i senior hanno bisogno soprattutto di raccontare la loro vita e la loro storia, come se il loro disorientamento minacci la loro identità. Condividendola attraverso il numero verde rafforzano l’identità, la sentono ancora presente. Oltre a questo il numero verde provvede, soprattutto nelle persone più anziane con patologie, a verificare che siano in contatto con il loro medico di famiglia, che seguano le terapie e che abbiano dei riferimenti sul territorio ai quali possano rivolgersi.

Ieri il numero verde, attivo a livello nazionale, anche nei giorni delle Festività, è stato presentato in una conferenza stampa virtuale mirata sulla Regione Lombardia, a cui ha partecipato l’Assessore al Welfare regionale Giulio Gallera.

Un plauso all’iniziativa arriva dall’assessore dell'Igiene e Sanità e dell'Assistenza Sociale della Regione Sardegna Mario Nieddu: “Un’iniziativa importante a sostegno dei nostri anziani. Non dobbiamo sottovalutare l’impatto sociale dell’emergenza sanitaria in corso. La Regione Sardegna, tramite il proprio sistema sanitario, sin dall’inizio della pandemia ha istituito su vari livelli servizi di supporto psicologico alla popolazione, ai malati e agli operatori sanitari in prima linea contro il Covid. Un’attività sinergica, come quella rilanciata in occasione delle imminenti festività, rafforza l’intero sistema, rendendo ancora più specifica e mirata l’azione di supporto ai cittadini, in particolare quelli più fragili”. 

 

«Questo Natale sarà particolarmente difficile per tanti senior che vivono soli, in particolare nelle regioni più colpite, dove alle limitazioni in vigore su tutto il territorio nazionale si aggiungono quelle che molte famiglie verosimilmente si autoimporranno per senso di responsabilità proprio per tutelare la salute dei nonni. E’ per supportare loro, specialmente quelli più soli e fragili, privi di reti sociali o supporti familiari già prima della pandemia, che abbiamo deciso di rinnovare l’iniziativa del numero verde gratuito, già operativo nei mesi del lockdown, dal 6 aprile scorso fino al mese di luglio, offrendo loro un supporto psicologico attraverso una rete di qualificati professionisti» ha dichiarato Roberto Messina, Presidente Nazionale di Senior Italia FederAnziani.

«Noi psicologi dell'emergenza siamo abituati a intercettare i bisogni delle persone, sul campo, guardandole negli occhi, vedendo i loro comportamenti – dichiara il Presidente Nazionale di SIPEM SoS Federazione Roberto Ferri - Oggi non possiamo farlo direttamente e abbiamo necessità che tutta la comunità sia sensibile e siano i figli, i vicini di casa o le badanti ad essere i nostri occhi; devono essere pronti a cogliere la solitudine e le emozioni degli anziani e, laddove non possono essere loro il primo sostegno per il distanziamento sociale, possono però invitarli a chiamare il numero verde, anche a Natale, S. Stefano e in tutte le altre festività. Ci sono più di 100 psicologi pronti ad ascoltare, accogliere e far sentire quel sostegno che a molti mancherà in queste festività davvero insolite e destabilizzanti».

 

Senior Italia FederAnziani

 

Senior Italia FederAnziani è la federazione delle associazioni della terza età fondata nel 2006 con lo scopo di tutelare i diritti e migliorare la qualità della vita delle persone Senior. La federazione riunisce numerose associazioni per un totale di 3.700 Centri Sociali per Anziani (CSA) su tutto il territorio nazionale ed oltre 3,8 milioni di persone aderenti. La sua missione è valorizzare il ruolo degli anziani, tutelare il diritto alla salute quale diritto fondamentale dell’individuo, sancito dalla Costituzione, sensibilizzare le Istituzioni per garantire equità nell’accesso alle cure, orientare le politiche sanitarie e sociali verso lo sviluppo di programmi che favoriscano una sana longevità e promuovano il benessere lungo tutto l’arco della vita.

Dall’inizio della pandemia Senior Italia FederAnziani è stata attiva con varie iniziative a supporto degli anziani fra cui, oltre alla prima edizione del numero verde, una campagna di comunicazione per prevenire e contrastare le truffe e le fake news legate al Coronavirus.

 

 

La Società Italiana di Psicologia dell’Emergenza Social Support Federazione (abbreviato in SIPEM SoS Federazione) 

La Società Italiana di Psicologia dell’Emergenza Social Support Federazione è un’associazione senza scopo di lucro iscritta ai registi del volontariato di Protezione Civile delle regioni in cui opera e, a coronamento del 20° anniversario dalla fondazione, nel Gennaio 2019 è entrata ufficialmente nell’Elenco Centrale delle Organizzazioni di Volontariato del Dipartimento della Protezione Civile. SIPEM SoS  è attiva in situazione di micro e maxi emergenze sul territorio italiano per la prevenzione e la cura delle vittime e dei soccorritori a rischio di patologie psicologiche legate al trauma. SIPEM SoS è aperta a tutti i professionisti in ambito socio-sanitario e da vent’anni mette in campo équipe di psicologi formati in psicologia dell'emergenza. Fin dalla sua fondazione nel 1999 si è impegnata nei grandi eventi traumatici del nostro paese, compresi i terremoti di San Giuliano di Puglia (2002), dell’Aquila (2009), Emilia Romagna (2012) e Amatrice (2016) lavorando al fianco della Protezione Civile e delle Forze Armate sul campo e nelle tendopoli. Le sezioni regionali, attualmente tredici, hanno anche preso parte a numerose emergenze locali tra cui l’incidente della nave Norman Atlantic, l’incidente ferroviario di Pioltello, il Crollo del Ponte Morandi, la tragedia di Corinaldo e, attualmente, partecipano alle attività di Protezione Civile e Ordini degli psicologi regionali per il supporto psicologico delle persone coinvolte dall’emergenza Coronavirus. Grazie all’innovatività della propria visione e missione sociale, è attualmente presente nella Commissione Nazionale sulla Psicologia dell’Emergenza del Dipartimento di Protezione Civile ed in alcuni Gruppi di lavoro sulla psicologia dell’emergenza degli Ordini degli psicologi regionali. I soci e l’associazione hanno concorso alla pubblicazione di numerosi testi ed articoli sulla Psicologia dell’Emergenza.

Il supporto psicologico e la campagna di comunicazione sono stati resi possibili dal contributo non condizionato di: