immagine interna

AGI - Coronavirus: Federanziani, a Pasqua attivo supporto psicologico

09/04/2020


(AGI) - Roma, 9 apr. - L'emergenza solitudine in Italia riguarda milioni di anziani, e l'isolamento forzato di questo periodo fa si' che in molti non abbiano piu' nessuno con cui parlare. La solitudine si fa sentire ancora piu' intensamente durante i periodi festivi, come la Pasqua: per questo il numero verde 800991414 dedicato al supporto psicologico degli anziani soli non sospende la sua attivita' neanche in quei giorni. Lo rende noto un comunicato che spiega che l'iniziativa e' stata lanciata da SENIOR ITALIA FederAnziani, Windtre e Sipem SoS, la Societa' italiana di psicologia dell'emergenza che, con la sua rete di professionisti attivi su tutto il territorio nazionale, rispondera' alle chiamate di quanti hanno bisogno di una voce amica, di un sostegno psicologico per attraversare questa fase di isolamento. "E' nei giorni di festa - sostiene il presidente di SENIOR ITALIA FederAnziani, Roberto Messina - che chi e' solo puo' sentirsi piu' sofferente: il Senso di perdita per le persone che non ci sono piu' si acuisce, e i ricordi dei momenti positivi del proprio passato possono portare a un senso di straniamento. E' in questi momenti che diventa ancora piu' importante il supporto degli psicologi, per riattivare le proprie risorse e affrontare al meglio il tempo presente. Per questo il nostro numero verde e' attivo anche nelle festivita' pasquali, come anche il sabato e la domenica: perche' in questa fase cosi' critica per tutti e soprattutto per gli anziani nessuno debba essere lasciato solo". Il presidente nazionale di Sipem SoS Federazione, Roberto Ferri, aggiunge: "Le feste rappresentano sempre una occasione di socialita' e relazione. Ora che non e' possibile sedersi a tavola tutti assieme, ci si sente soli e abbandonati. Chiamare amici e familiari, o i servizi di sostegno psicologico, e' il migliore strumento per riappropriarsi del valore del rapporto con l'altro. Parlare ed ascoltare per creare un contatto e un senso di vicinanza, nei maggiori momenti di sconforto. E dove manca la famiglia, interviene la Sipem SoS con la sua capacita' di accogliere il disagio e aiutare le persone a rielaborarlo".